info@postparrucchiere.com 339 4875742

QUANTO SIAMO CONDIZIONABILI?

Nella vita di tutti i giorni pensate di essere condizionabili oppure no?

In questi giorni ho ricevuto la seguente mail che è ideale per fare una riflessione:

apple

In italia ci sono circa 70.000 licenze di parrucchieri, molti dei quali creano a modo loro le dinamiche commerciali, altri puntano al prezzo basso, quelli seguiti utilizzano in modo intelligente e metodico gli strumenti che gli sono stati messi a disposizione, altri totalmente contrari alla commercialità pensano che i clienti frequentino il loro salone a prescindere, vedendo di conseguenza queste operazioni dannose, poi ci sono quelli che pensano sia un tipo di sottomissione, altri ancora accettano questa inequivocabile realtà ma la ritengono non adatta alla propria clientela. Su una cosa però siamo tutti d’accordo: cercare di avere attività più solide e floride.

Mi chiedo: se un colosso e leader mondiale come Apple invia questo messaggio ai suoi clienti e non, lo farà per avere più vantaggi o svantaggi?

Le promozioni non sono solo uno sconto, sono uno scambio, ad esempio, vieni il tal giorno, in tale periodo. Non sempre acquistiamo quello di cui abbiamo bisogno ma compriamo quello che ci piace, condizionati da diversi fattori. Chi non è mai stato condizionato da una pubblicità, da un amico, da una persona di cui si fida? il passaparola è figlio del condizionamento, ma sopratutto, in un modo o nell'altro, prima o dopo, siamo quasi sempre stati condizionati da qualche promozione.

Anche i migliori (altrimenti non lo farebbero) hanno molti vantaggi dettati da operazioni di marketing:

  • aumentare i volumi di fatturato
  • aumentare il listino
  • lanciare nuovi prodotti
  • incrementare la rivendita
  • conquistare nuovi clienti
  • spostare il lavoro in giorni o orari diversi
  • incrementare la spesa d’acquisto

e altro ancora.

Queste operazioni di marketing però, devono essere fatte dopo un' attenta analisi dettata dalla razionalità, dal listino, dal target di clientela, dalla posizione, dal periodo, dal livello di preparazione della squadra ecc.

Allora non mi resta che augurarvi buon condizionamento e buon lavoro!

 

I commenti sono chiusi